Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

COVID-19: AGGIORNAMENTI E INFORMAZIONI PER CHI VIAGGIA

Data:

02/08/2021


 COVID-19: AGGIORNAMENTI E INFORMAZIONI PER CHI VIAGGIA

Emergenza COVID -19 - informazioni utili per chi viaggia

(aggiornamento 02.08.2021)

 

SCARICA:

AUTODICHIARAZIONE PER IL RIENTRO DALL'ESTERO

QUESTIONARIO INFORMATIVO

APP IMMUNI

 

 INGRESSO O RIENTRO IN ITALIA (inclusi VOLI CANCELLATI e\o VISTO IN SCADENZA)

L’Australia è attualmente inclusa in una lista di Paesi dai quali si può fare ingresso in Italia se non si ha soggiornato in altri Paesi nei 14 giorni antecedenti.

In caso di possesso di cittadinanza australiana o visto di residenza permanente australiano, si dovrà tuttavia preventivamente ottenere un permesso per lasciare il Paese dal Governo australiano (si veda sotto) anche se cittadini italiani.

Con ordinanza del Ministro della Salute del 29 luglio 2021, in vigore a partire dal 31 luglio e fino al 30 agosto 2021, sono stati disposti i seguenti obblighi per i viaggiatori provenienti dall'Australia (Paese incluso nell'elenco D):

- sottoporsi a  tampone molecolare o antigenico nelle 72 ore precedenti all’ingresso in territorio nazionale;

- osservare un periodo di quarantena domiciliare di 5 (cinque) giorni, e di sottoporsi a tampone molecolare o antigenico al termine di tale periodo;

-  prima della partenza e a partire dal 24 maggio, compilare un modulo di localizzazione in formato digitale (Passenger Locator Form digitale dPLF), collegandosi al sito https://app.euplf.eu/#/. Per chiarimenti sulla procedura da seguire è possibile consultare la guida allegata alla presente pagina. Il dPLF andrà completato e inviato obbligatoriamente prima dell’imbarco.

In casi eccezionali e soltanto per impedimento tecnologico, si potrà continuare ad utilizzare  l'autodichiarazione in formato cartaceo.

 

***

All'arrivo in Italia, NON è consentito utilizzare mezzi pubblici per giungere alla propria destinazione finale ma solo taxi o mezzi privati. È consentito utilizzare scali aeroportuali intermedi italiani o stranieri solo se non ci si allontana dalle aree dedicate ai transiti.

Al momento, le uniche compagnie aeree ancora operative da Adelaide per tratte verso l’Italia sono la Qatar Airways, la Singapore Airlines e, previo scalo domestico verso altre capitali australiane, la Emirates e la Etihad Airways.

Per evitare spiacevoli inconvenienti durante il viaggio, si consiglia vivamente prima della partenza di contattare la propria compagnia aerea per verificare eventuali cancellazioni e/o restrizioni all’imbarco, in quanto la situazione è in continua evoluzione.

Si ricorda infine che I connazionali in possesso di doppia cittadinanza italo-australiana e coloro in possesso di visto “permanent resident” necessitano di un’autorizzazione per lasciare il territorio australiano da richiedere presso l’Home Affairs, indipendentemente dal fatto che utilizzino il passaporto italiano per viaggiare (a meno che non ricadano nelle eccezioni previste, ad esempio risiedano abitualmente all'estero). Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link: https://covid19.homeaffairs.gov.au/leaving-australia

RIENTRI IN ITALIA/VIAGGI ALL'ESTERO: COMPILA IL QUESTIONARIO DELL'UNITA' DI CRISI E INFORMATI SULLA NORMATIVA ITALIANA CHE SI APPLICA AL TUO CASO (CLICCA QUI)

 

VISTO AUSTRALIANO IN SCADENZA

Nel caso in cui non si riescano a trovare voli entro la scadenza del visto, si consiglia di verificare la possibilità di richiederne l’estensione in territorio australiano oppure chiederne uno di diversa tipologia.

La materia dei visti è di esclusiva competenza delle autorità australiane. I visti australiani devono quindi essere richiesti online direttamente dagli interessati attraverso i rispettivi “ImmiAccount” individuali nel rispetto dei requisiti e delle regole previsti dall’Home Affairs.

Non è possibile richiedere estensioni o proroghe dei visti australiani, occorre pertanto richiedere un nuovo visto prima della scadenza di quello in corso di validità per evitare di trovarsi in una situazione di irregolarità. In seguito alla presentazione della domanda, il richiedente riceverà dalle autorità australiane un bridging visa valido fino al momento del rilascio del nuovo visto.

È stata introdotta una nuova tipologia di visto temporaneo (subclass 408 COVID-19 Pandemic visa) per alcune categorie di lavoratori impiegati in “critical sectors” che non hanno possibilità di richiedere forme alternative di visto. Per ulteriori informazioni seguire le indicazioni dell’Home Affairs riportate a questo link.

Il Department of Home Affairs ha anche informato della possibilità di richiedere un "Bridging Visa E" per l'estensione temporanea di un visto per i tempi strettamente necessari all'organizzazione del volo di rientro in Patria qualora il proprio visto sia già scaduto. Si consiglia di mettersi in contatto direttamente con gli uffici di tale Department per ogni ulteriore informazione.

Si comunica che l’Australia ha adottato nuove disposizioni in merito ai temporary visa holders in particolare studenti e titolari di visto vacanza-lavoro. Per visualizzare il documento, clicca qui.

Ulteriori informazioni sui visti sono reperibili ai seguenti link:

https://immi.homeaffairs.gov.au/visas/visa-about-to-expire/stay-longer

https://covid19.homeaffairs.gov.au/

https://covid19inlanguage.homeaffairs.gov.au/it

 

ESTENSIONE MEDICARE

Si segnala che le autorità australiane competenti hanno esteso, a beneficio degli aventi diritto ai sensi dell'accordo di reciprocità in materia di assistenza sanitaria Italia-Australia, la validità della copertura sanitaria Medicare, nel caso fosse già validamente attiva, fino al 18 settembre 2020. Nel caso invece in cui la copertura Medicare fosse già scaduta, è ripristinato il periodo di validità dal 18 marzo 2020 al 18 settembre 2020. Con una successiva comunicazione, le Autorità australiane hanno chiarito che la copertura sanitaria Medicare in scadenza il 17 marzo 2021 è estesa sino al 17 settembre 2021.

Per ulteriori informazioni, si invita a consultare la pagina del Governo australiano cliccando qui.

 

ASSISTENZA CITTADINI ITALIANI ALL'ESTERO

Il decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18 (cd. Cura Italia) ha stanziato fondi aggiuntivi per l’assistenza dei cittadini italiani che, trovandosi all’estero, siano in condizioni di indigenza o grave necessità in ragione della situazione sanitaria legata alla pandemia da Covid-19.

Gli interessati, al fine di ottenere un sostegno economico, dovranno dimostrare:
- lo stato di indigenza e la grave necessità;
- che tale stato non sia altrimenti fronteggiabile (neppure attraverso, ad esempio, il sostegno di familiari).

Il Consolato, ricevuta la domanda, verifica, anche con le opportune indagini in Italia sull'effettivo stato di indigenza, se sussistono i presupposti di legge per un’erogazione in denaro, sotto forma di “Prestito con promessa di restituzione” oppure, in subordine, di “Sussidio” (entrambe sono erogazioni una tantum, cioè in unica soluzione).

Coloro che intendano avanzare la domanda, sono pregati di scrivere personalmente all’indirizzo e-mail consolato.adelaide@esteri.it, spiegando brevemente la propria situazione e citando la documentazione di cui dispongono per comprovare le condizioni summezionate.

 

 INGRESSO IN AUSTRALIA E SITUAZIONE CHIUSURE CONFINI INTERNI

 

L’ingresso in Australia è al momento consentito solo ai cittadini australiani, residenti permanenti in Australia, cittadini neozelandesi abitualmente residenti in Australia e componenti del nucleo familiare di cittadini australiani o residenti permanenti australiani.

Ai cittadini stranieri è consentito l’ingresso in specifici e limitati casi e comunque solo previa autorizzazione del Governo Australiano. Per ulteriori informazioni e per fare domanda di ingresso è possibile consultare la pagina del Department of Home Affairs australiano cliccando qui.

All’ingresso in Australia è obbligatorio esibire COVID test negativo da effettuare entro le 72 ore prima della partenza. La disposizione si applicha a tutti i viaggiatori, anche se vaccinati, che abbiano almeno 5 anni d'età e il risultato deve essere tradotto in inglese e "preferibilmente" in formato cartaceo. Una volta arrivati in australia, anche in caso di test negativo, è obbligatorio sottoporsi ad isolamento di 14 giorni in strutture indicate dal Governo australiano.

 

Arrivi in Australia Meridionale

indipendentemente dallo Stato di provenienza, a partire dal 1 luglio 2020 tutti coloro che intendono entrare in SA devono completare una registrazione online presso la South Australia Police (SAPOL) almeno 7 giorni prima del viaggio: https://www.police.sa.gov.au/online-services/cross-border-travel-application

Sono in vigore restrizioni per i viaggiatori in arrivo da altri stati australiani. Si prega di prendere attenta visione delle FAQs pubblicate dalla South Australia Police a questo link

 

Partenze dall’Australia Meridionale

È consentito lasciare lo Stato per raggiungere altre destinazioni in Australia, occorre tuttavia verificare le eventuali restrizioni e gli obblighi di quarantena previsti negli altri Stati federali all’arrivo. Si prega di consultare i rispettivi siti istituzionali per verificare le regole e le restrizioni applicabili. 


Autore:

AS

626