This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

SPID e Decreto Milleproroghe: ulteriore proroga di 15 mesi

Date:

03/01/2021


SPID e Decreto Milleproroghe: ulteriore proroga di 15 mesi

A seguito della conversione in legge del DL 183/2020, cd. "Decreto Milleproroghe", il termine del 28 febbraio 2021 per il rilascio esclusivo da parte delle PA delle credenziali SPID e CIE ai fini dell'identificazione e l'accesso in rete, e gia' prorogato per gli uffici all'estero al 30 settembre 2021, e' stato esteso di ulteriori 15 mesi fino al 31 dicembre 2022. Coloro che sono in possesso di credenziali proprie, potranno continuare a utilizzarle fino al 31 marzo 2023 per accedere ai servizi in rete della Pubblica Amministrazione.

Fino al 31 dicembre 2022, i cittadini potranno infatti accedere ai servizi consolari in rete, senza impiegare lo SPID o la Carta d'identita' elettronica. Il portale per i servizi consolari Fast It potra' quindi continuare a essere utilizzato per trasmettere le richieste di iscrizione in AIRE e per usufruire delle altre funzionalita' abilitate, secondo le consuete modalita'.

Richiedi uno SPID adesso!

Ricordiamo che le credenziali SPID possiedono lo stesso valore di un qualsiasi documento d'identita' per l'espletamento delle pratiche amministrative online.

Lo scopo del passaggio allo SPID è quello di rafforzare il diritto dei cittadini alla semplificazione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione e accelerare il processo di digitalizzazione avviato ormai in tutti gli Stati europei. Da questo punto di vista, lo SPID si configura quale un Sistema pubblico di identità digitale che consente ai cittadini di avere a disposizione un unico sistema di login ad accesso facilitato per accedere a tutti i siti internet della Pubblica Amministrazione (come ad esempio INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate, Equitalia, etc.). Lo SPID può essere richiesto da tutti i cittadini italiani, anche se residenti all’estero, o comunque dotati di una carta d’identità e un codice fiscale italiani in corso di validità, che abbiano compiuto il 18° anno di età. Il cittadino italiano residente all’estero può ottenere l’identità digitale SPID richiedendola ad uno degli “identity provider” indicati sul sito SPID nella paginahttps://www.spid.gov.it/richiedi-spid i quali coprono l’area geografica di interesse rappresentata dalle icone “Mondo” e “Unione Europea”.

Per ottenerla il cittadino residente all’estero deve fornire: il numero di cellulare (anche se l’abbonamento è sottoscritto con
un operatore mobile estero), un indirizzo e-mail, un documento di identità italiano valido tra cui carta di identità, passaporto, patente e un documento che certifichi il proprio codice fiscale.


Per ulteriori approfondimenti si rimanda al sito istituzionale dedicato a SPID, https://www.spid.gov.it/, in particolare alla pagina "Richiedi SPID".


Author:

AS

661